Open Innovation

L’utilizzo di soluzioni digitali è un tema presente, oggi più che mai, nella lista delle priorità delle principali aziende e Pubbliche Amministrazioni italiane. Cresce, infatti, la consapevolezza che l’introduzione delle nuove tecnologie offre un’importante opportunità di semplificazione dei processi, generando al contempo sia un recupero di produttività sia un sensibile miglioramento dell’efficacia, creando un differenziale competitivo di lungo periodo.

In questo scenario le startup hanno – e avranno, sempre più – un ruolo primario nelle evoluzioni di aziende e supply chain: il tema dell’open innovation è oggi nell’agenda degli amministratori delegati delle aziende di ogni dimensione e settore, consapevoli che le startup costituiscono un’ulteriore importante risorsa per compiere una vera trasformazione digitale.

L’iniziativa DAFNE Open Innovation, volta a individuare le principali startup attive nel mondo della salute, è stata lanciata dal Consorzio proprio con l’obiettivo di supportare la filiera Healthcare e le aziende dell’ecosistema.

Collaborazioni

Il Consorzio DAFNE, sicuro dell’importante ruolo che le startup potranno giocare nella filiera Healthcare, ha attivato una collaborazione con Bio4Dreams al fine di operare in modo sinergico e condiviso per integrare, da un lato, l’approccio “Open Innovation” che il Consorzio DAFNE vuole promuovere presso le sue aziende consorziate, dall’altro, le competenze manageriali, gestionali, tecnico-scientifiche e di sviluppo di business, in fase very early stage, nel contesto Life Science, di Bio4Dreams.

Call for Startup

Una prima iniziativa, svolta in collaborazione con Polihub, ha individuato alcune tra le principali startup e scaleup attive nella filiera healthcare.

In occasione del Convegno nazionale del Consorzio “Digital For Health” dello scorso 20 febbraio 2020 è stata decretata la startup BiomimX come vincitrice tra quelle prese in analisi e che si sono distinte per innovatività della realtà, applicabilità dell’innovazione e impatto sulla filiera. BiomimX è un pioniere nella generazione di modelli predittivi di organi e patologie umane che rivoluzioneranno il modo di testare nuovi farmaci. Integrando la coltura cellulare 3D e la stimolazione meccanica, BiomimX propone la prossima generazione di organi battenti su chip, che porta a modelli preclinici più affidabili, veloci, reattivi e convenienti per lo screening dei benefici e della sicurezza dei farmaci.

Call for Startup - Consorzio DAFNE

Il secondo posto invece è stato designato direttamente durante “Digital For Health” attraverso una votazione fatta in diretta in sala. Ad aggiudicarsi il premio, cioè la possibilità di una giornata con una delle aziende del CdA che si sono dette interessate ad approfondire la soluzione, è Merylo, startup che sta sviluppando un dispositivo innovativo in grado di lavorare direttamente al fianco del paziente, caricando il farmaco nei suoi globuli rossi.