Fattura Elettronica

Obiettivo del Progetto.

Trovare la soluzione più opportuna in termini di costi e funzionalità che potesse consentire ai Consorziati di implementare la Fattura Elettronica conforme alle norme in vigore e nel rispetto del decreto ministeriale (D.M. n. 55 del 3 aprile del 2013 – pubblicato sulla gazzetta ufficiale in data 22 maggio 2013.) superando lo scenario già adottato di Trasmissione Elettronica (con obbligo di conservazione della copia cartacea). Di fatto l’approvazione del decreto ministeriale ha finalmente consentito al Consorzio Dafne di trasformare il suo tracciato proprietario- fattura elettronica -, sviluppato proprio in attesa che uscisse il tanto atteso decreto 55, nel nuovo documento fattura elettronica verso la P.A. definito da Sogei .

Dato il lavoro già svolto da alcune delle aziende consorziate nel corso degli ultimi anni l’obiettivo iniziale è stato quello di rendere perfettamente compatibili i dati contenuti nel ‘vecchio’ tracciato record Dafne con i dati richiesti dal nuovo tracciato record Sogei, creando un Tracciato Unico Dafne, utilizzabile dalle Aziende Consorziate, per inviare la Fattura Elettronica alla Pubblica Amministrazione (area Sanitaria) e, nello stesso tempo, continuare ad inviare la fattura ai Distributori Intermedi che già la stavano ricevendo.

Fase attuativa

Per ottemperare al nuovo decreto ministeriale è stato creato un gruppo di lavoro, che ha richiesto il coinvolgimento di colleghi di alcune aziende consorziate, composto da 14 Aziende Farmaceutiche 3 Distributori Intermedi, 1 provider Logistico, 1 Provider Finanziario.

Per arrivare a definire il nuovo tracciato record fattura Dafne che includesse il tracciato stabilito da Sogei sono stati fatti 6 incontri del Gruppo di Lavoro con le aziende che sono state disponibili a partecipare (11 novembre 2013, 12 dicembre 2013, 13 febbraio 2014, 25 febbraio 2014, 3 aprile 2014, 10 maggio 2014), un incontro del gruppo di Lavoro Ristretto (19 marzo 2014) con i due service providers (Open Text/ GxS, ISP), ed una tele conferenza con l’A.D.E e Ag.I.D. Nell’incontro del 10 maggio 2014 il G.d.L. Tecnico-Fiscale, raccolte le ultime specifiche pervenute dall’A.D.E. e Ag.I.D., ha ufficialmente approvato il tracciato unico fattura Dafne destinato ai due mercati :quello della PA e quello privato. Il gruppo di lavoro ha inoltre chiesto al provider del Consorzio (Open Text/GxS) ed al provider bancario ISP di adeguare i documenti elettronici in base alle specifiche concordate all’interno del gruppo di lavoro sulla fattura elettronica del Consorzio Dafne.

Nei mesi a seguire e fino alla data di entrata in vigore dell’obbligo di invio (31 Marzo 2015) della fattura elettronica, tramite il Sistema di Interscambio, anche alla Pubblica Amministrazione Locale (Are Vaste/ASL e AO) indicato dal decreto attuativo ministeriale, il gruppo di lavoro vigilerà e sarà di supporto, a tutte le aziende che si sono incamminate verso questo importante traguardo, per sostenere il lavoro di tutti.

Servizi per i Consorziati

I servizi modulari previsti nella Convenzione Dafne-ISP consentono ai Consorziati, tramite l’utilizzo della piattaforma bancaria, di implementare la Conservazione a norma dell’Attivo e/o Passivo e di poter essere in regime di Fattura Elettronica a norma di legge.

L’utilizzo della piattaforma bancaria oltre a consentire l’archiviazione digitale dei Registri / Libri Contabili corredabili di altri necessari documenti (in appositi Folders elettronici), permette ovviamente anche il regime di Trasmissione Telematica della Fattura strutturata.

Scenario del Consorzio

Le aziende che in questi anni, a partire dal 2009, hanno lavorato per dotarsi della fattura elettronica in anticipo sulle ‘scansioni’ ministeriali sono state Novartis ; Comifar ; Gsk ; Farcopa ;Bayer, Grunenthal e Sanofi).

Le stesse aziende, insieme ad altre, hanno lavorato nel mercato della Pubblica Amministrazione per creare le premesse che consentissero un passaggio agevole alla fattura elettronica non appena le condizioni lo avessero consentito :tra queste ricordiamo Abbott,Abbvie, Baxter,Amgen, Bristol, Sanofi, Boehringer. Eli Lilly, Bayer; Grunenthal; Novartis. Ad esse va il merito di aver aperto una strada, di aver attivato verso alcuni dei più importanti sistemi sanitari regionali, provinciali o anche verso singole strutture, flussi di fatture elettroniche ponendo le premesse materiali per l’attuale sviluppo.

Servizi Finanziari e Fattura alla P.A.

L’implementazione dei Servizi Finanziari Evoluti CBI2 ,focalizzato sulla Riconciliazione fatture/pagamenti, provenienti soprattutto dagli Enti Sanitari Pubblici , ha l’obiettivo finale di fornire alle Aziende Farmaceutiche Consorziate, anche non Clienti ISP, sullo stesso flusso degli incassi, il corredo di dati necessari ad una fase di riconciliazione automatica.

Fattura Telematica.

La Trasmissione Telematica della Fattura Dafne vede attualmente coinvolte 15 Aziende Farmaceutiche che inviano il documento strutturato a 15 Distributori Intermedi Dafne (e Società collegate) nonché, in area sanitaria pubblica , a 8 ASL, 1 Area Vasta -Estav, AO Cremona, AO Policlinico Bari, ASL Bolzano, Soresa per la regione Campania, Lait per Regione Lazio, ULSS 8 Asolo e ASUR Marche.
Il volume dei documenti trasmessi nell’anno corrente in questo regime è di 32.700 documenti strutturati e oltre 20.500 Pdf.

La nostra esperienza è maturata lavorando a stretto contatto con l’Osservatorio del Politecnico di Milano, di cui il Consorzio Dafne è Partner.

La School of Management del Politecnico di Milano ha rappresentato la base scientifica, sulla quale il Consorzio ha potuto consolidare le proprie iniziative. Gli studi sulla dematerializzazione del ciclo attivo e passivo e in particolare quelli sulla Fatturazione Elettronica ha dimostrato il valore legato alla dematerializzazione dell’intero ciclo ordine-pagamenti quantificandone i significati benefici economici e gestionali che ne derivano.

Per informazioni più dettagliate sugli obiettivi della ricerca e sui risultati degli anni scorsi si rimanda al sito www.osservatori.net