Avviata la fase di test di un nuovo progetto di Filiera

Consorzio Dafne – AssoRam – Farmadati hanno condiviso un progetto  finalizzato a creare una banca dati nazionale in grado di fornire informazioni tempestive, affidabili ed utili ad ottimizzare la formulazione dell’ordine  per una  migliore gestione delle fasi di picking, allestimento e spedizione da parte del Depositario/Concessionario  e conseguentemente di ricevimento, presa in carico e gestione magazzino da parte del Cliente.

Sono stati definiti, con ordine prioritario, i  parametri da rilevare e comunicare alla banca dati:

  • numero confezioni prodotto per cartone standard
  • numero confezioni prodotto per fardella (campo vuoto nel caso no fardellatura)
  • numero confezioni prodotto per pallet
  • peso in grammi x confezione prodotto
  • dimensioni in millimetri x confezione prodotto (altezza-larghezza-profondità)

Individuate anche altre informazioni opzionali quali il numero delle confezioni prodotto per fila nel cartone (in assenza della fardellatura) ed il peso del cartone (tara).

I dati dovranno riguardare, nella fase iniziale di costituzione della banca dati, tutte le referenze c/o il Depositario/Concessionario e poi di volta in volta solo gli aggiornamenti ed i nuovi prodotti/confezioni immessi nel mercato.

Sarà l’Azienda Farmaceutica mandante, nel caso si avvalga di più depositi, ad indicare quello che dovrà fornire ed aggiornare i dati.

La fase di test, della durata di tre mesi, prevede il coinvolgimento di due Depositari che provvederanno a fornire i dati relativi a tutti i prodotti di cinque  Aziende Farmaceutiche mandanti e di due Distributori Intermedi che hanno il compito di verificarne operativamente correttezza e concreta utilità nell’ottimizzare l’ordine e la successiva fase di ricevimento e gestione a magazzino.

Gli attori coinvolti e che subito hanno dato la loro disponibilità per la fase di test  sono:

  • Pieffe/UPS con  Bayer e Novartis,
  • Chiapparoli con  Abbott, Bracco e Teva,
  • Comifar e Sofarmamorra

Il progetto, terminata  la fase di test, se i risultati dimostreranno reali benefici come universalmente atteso, verrà promosso e divulgato con il coinvolgimento di tutte le associazioni di categoria interessate  (AssoRam, Farmindustria, Assogenerici, ADF, Federfarma servizi, Sifo, etc.) per una diffusione a livello nazionale, affinchè tutti gli operatori di filiera possano trarne concreti  e reciproci vantaggi gestionali ed economici.

Il Consorzio  ha messo a disposizione, gratuitamente, tracciato standard, portale Dafne ed assistenza tecnica del proprio provider Gxs, per la trasmissione di tutti i dati da parte dei Depositari e per la loro ricezione da parte di Farmadati.

Farmadati si è impegnata a mettere a disposizione  questo servizio nella propria banca dati a costi competitivi.

Dott. Rodolfo Caloni
Consigliere Delegato DAFNE