Assemblea Annuale ADF: l’Intervento del Consorzio DAFNE

Nella splendida cornice della Pontificia Università Gregoriana di Piazza della Pilotta, a Roma, si è svolta l’Assemblea annuale di ADF. Il Consorzio DAFNE ha avuto l’onore di tenere un intervento per raccontare alcune importanti novità.

Il 2018 è un anno di grandi cambiamenti e costellato di forti discontinuità, da molteplici punti di vista. Sia a livello generale sia per il settore healthcare in particolare, questi mesi si caratterizzano per la singolare concentrazione di novità. Basti pensare al prossimo obbligo di Fatturazione Elettronica, a livello complessivo, ma anche all’ordine elettronico e alla serializzazione, guardando alla filiera della Salute più nello specifico.

Anche il Consorzio DAFNE, nel suo “piccolo”, attraversa una fase di significativa transizione. A partire dal lavoro e dai risultati raggiunti in oltre un quarto di secolo di attività, il Consorzio DAFNE non si accontenta e rilancia, alzando la posta dell’impegno: ampliare l’offerta di servizi e soluzioni erogate all’ecosistema, proponendosi come autentico motore per la promozione dell’Innovazione Digitale nella filiera estesa della Salute.

La Community DAFNE oggi coinvolge oltre 500 organizzazioni: 114 Aziende di Produzione, 59 Distributori Intermedi, 41 Depositari e oltre 300 Strutture Sanitarie collegate. I principali servizi sono storicamente legati all’interscambio in formato elettronico strutturato standard dei documenti del Ciclo dell’Ordine (Ordini, DDT, Fatture): volumi gestiti su base annua in costante e progressiva crescita, che ha portato a sfiorare la soglia dei 3 milioni di documenti nel 2017.

“Le priorità strategiche che ci siamo dati per il 2018 – afferma Daniele Marazzi – sono improntate a porre le basi di un ulteriore sviluppo nei prossimi anni, per continuare a essere anticipatori del cambiamento, conservando lo spirito pionieristico che da sempre caratterizza il Consorzio DAFNE.”

Proprio in questa prospettiva va interpretata la decisione di rinnovare profondamente l’infrastruttura tecnologica attraverso la quale il Consorzio DAFNE eroga i propri servizi, introducendo una nuova piattaforma che permetterà all’ecosistema di cogliere con rapidità ed efficacia tutte le opportunità dell’Innovazione Digitale.

“La nuova Piattaforma CONDAFNE sarà pienamente operativa a partire dal 1 gennaio 2019 – conferma il nuovo Consigliere Delegato – ma già nei prossimi mesi si attiverà un processo di migrazione che coinvolgerà tutti gli attori dell’ecosistema.”

Con la Legge di Bilancio 2018 il legislatore ha introdotto alcune significative discontinuità che nei prossimi mesi impatteranno direttamente tutto il Sistema Paese. L’articolo 1 comma 909 sancisce, infatti, l’obbligo di Fatturazione Elettronica tra privati a partire dal 1 gennaio 2019 – già dal 1 luglio 2018 per le cessioni di carburanti per autotrazione e per i subappaltatori diretti delle PA – che comporta un passaggio epocale verso il Digitale per tutte le imprese del nostro Paese. Si tratta di un’innovazione ineluttabile e senza proroghe, che ha visto le regole tecniche recentemente pubblicate con il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 30/04/2018.

“Si tratta di una grande opportunità travestita da nuovo adempimento”, sostiene convinto Marazzi. “Come spesso accade, serve un piccolo sforzo per traguardare oltre il velo dell’obbligo normativo e intravedere i benefici, assai significativi, alla portata di chi affronterà questo cambiamento in modo attivo e consapevole.”

Il Consorzio DAFNE ha sviluppato un’offerta ad hoc per mettere le aziende del proprio ecosistema nelle migliori condizioni per cogliere appieno questa occasione, con semplicità e senza ansie.

“Si tratta solo dell’inizio del percorso che vede il Consorzio DAFNE confermarsi come riferimento per l’Innovazione Digitale nella filiera healthcare – fa osservare il nuovo Consigliere Delegato – proponendo un’offerta di servizi e soluzioni sempre più ricca e articolata anche grazie alla sinergia con poli di eccellenza e all’identificazione di partner selezionati.”

Le novità incluse nella Legge di Bilancio 2018 non si fermano però alla Fatturazione Elettronica. Con riferimento alla filiera healthcare, è stato introdotto anche l’obbligo per l’invio elettronico degli ordini da parte delle strutture sanitarie pubbliche – farmacie comunali escluse – tramite il Nodo Smistamento Ordini (NSO) del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF), cui seguirà l’invio elettronico dei DDT. In questo caso, si rimanda a un prossimo Decreto Ministeriale – atteso entro la fine di giugno – per la definizione delle date. Le sperimentazioni – che vedono il fondamentale coinvolgimento, attivo e propositivo, proprio del Consorzio DAFNE grazie all’esperienza maturata con DAFNE Ospedali – sono già in corso da tempo e la direzione è tracciata con chiarezza e determinazione.

Guardare al futuro con energia ed entusiasmo, precorrendo i tempi grazie al mix di competenze distintive e costante impegno, è da sempre parte del DNA del Consorzio DAFNE. Quali credenziali migliori per candidarsi come partner di riferimento nell’accompagnare, stimolare e supportare l’ecosistema della Salute nel suo complesso verso la trasformazione digitale? Una Digital rEvolution che non va temuta o arginata, ma al contrario da abbracciare e affrontare con consapevolezza: per governarla con l’obiettivo di coglierne appieno tutti i benefici, minimizzandone i rischi.